Seguici su

ILVA, COMMISSARIAMENTO PROROGATO AL 15 SETTEMBRE.

Ilva, commissariamento prorogato al 15 settembre.Il rinvio è dettato dall'opportunità di un ulteriore spazio di confronto prima di prendere una decisione finale, così i commissari dello stabilimento Gnudi, Carrubba e Laghi.

E Di Maio, vicepremier e ministro del Lavoro ,ne prende atto. “Mi compiaccio della responsabilità espressa dai commissari dell’ILVA - afferma il Ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro Luigi Di Maio - e prendo atto della loro volontà di avvalersi della proroga siglata nel contratto che porta al 15 settembre 2018 ogni scadenza senza ulteriori costi economici per lo Stato. Come Ministro sto valutando ogni possibile impatto legato alle decisioni che dovrò prendere. Impatto in termini ambientali, sociali, economici e occupazionali. Per questo stiamo esaminando le oltre 23 mila pagine che ci sono state consegnate. Ogni decisione sarà presa con responsabilità, non dimenticando che il MoVimento 5 Stelle ha raggiunto a Taranto risultati straordinari con circa il 50% delle preferenze, risultati che intende onorare. I tarantini hanno il diritto di tornare a respirare, noi abbiamo il dovere di esaminare ogni pagina con la massima attenzione”.

Non si fa attendere la risposta del Partito Democratico che con Michele Anzaldi attacca : "Di Maio rinvia di tre mesi le importanti decisioni su Ilva perché dice di non aver fatto in tempo a leggere le carte.Ma come si può pensare di governare così? Come si può scappare dalle proprie responsabilità in questa maniera? Imbarazzante, ma di mezzo ci vanno le vite delle persone. Si gettano nella totale incertezza 20mila famiglie dei lavoratori di azienda e indotto, oltre a tutti i tarantini, e si rischia di far scappare l'investitore pronto a rilevare l'azienda e fare le bonifiche. Questo è il governo del cambiamento? Questo è il governo dell'irresponsabiità e dell'incapacità."

Polemico, il predecessore di Di Maio allo sviluppo economico: "Non si può sentire - ha twittato Carlo Calenda - Prendo atto? Il Ministro? Ma scherziamo! Almeno il coraggio di dire ho chiesto di rinviare per approfondire il dossier. Il che ci costerà 60/70 milioni di euro".