ASSUNZIONI COMUNE DI MASSAFRA: IL GIUDICE ARCHIVIA IL PROCEDIMENTO

Il giudice per le indagini preliminari, Vilma Gilli, accogliendo la tesi del pubblico ministero, ha archiviato il procedimento a carico della giunta Tamburrano relativo all’assunzione di 28 dipendenti comunali a tempo indeterminato, effettuata nel 2011.

A supporto di tale provvedimento l’amministrazione si era avvalsa del parere del professor Aldo Loiodice per superare gli effetti del D.P.R. n. 5253/2011 che aveva annullato una serie di atti e anche la precedente assunzione dei 28 dipendenti.

Da ciò era scaturito un procedimento penale, nel quale erano accusati di abuso d'ufficio oltre Martino Tamburrano, gli allora assessori Antonio Viesti, Raffaele Gentile, Giancarla Zaccaro, Gaetano Castiglia, Antonio Cerbino e Giuseppe Marraffa, i dirigenti comunali Simone Simeone e Francesca Perrone e il prof. Aldo Loiodice autore del parere.

Il P.M. si era espresso chiedendo l’archiviazione del caso. Richiesta di archiviazione alla quale si era opposto un cittadino e, su tale opposizione, ha deliberato il G.I.P. Gilli, che ha confermato l'assunto del Pubblico Ministero e archiviato il procedimento, legittimando quelle assunzioni.

Questo il commento alla sentenza di uno degli imputati, l’ex assessore Raffaele Gentile:

Il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Taranto ha disposto l’archiviazione del procedimento penale che vedeva coinvolti gli ex Amministratori del Comune di Massafra (me compreso) in riferimento alla delibera che determinó l’iter dei concorsi per l’accesso a diversi profili professionali dell’Ente. Sono state ben tre le inchieste che si sono succedute negli anni, tutte concluse con l’archiviazione in prima istanza. Il Giudice ha riconosciuto la carenza di legittimazione del cittadino opponente all’archiviazione del Pubblico Ministero in riferimento all’ultima inchiesta, oltre che per l’ennesima volta l’inesistenza di qualsivoglia reato di tipo penale. Più o meno tutti conoscete la vicenda, ultimamente messa in evidenza anche dal programma televisivo nazionale “Striscia la Notizia”. I detrattori oggi non gioiranno, dopo aver messo alla berlina l’onore di un’intera cittadina. I soggetti denuncianti? Sempre gli stessi. Quando volete vi racconteró chi sono loro e quanto distruttivi siano stati per la Città di Massafra. Giudicate voi.


WhatsApp

Iscriviti al servizio WhatsApp e ricevi GRATUITAMENTE le notizie più importanti direttamente sul tuo smartphone. Clicca qui per iscriverti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

on the spot

On The Spot

Eventi

PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

Seguici su