I DIRIGENTI COMUNALI "ILLEGITTIMI" SCRIVONO AL SINDACO

Il caso portato alla ribalta nazionale da “Striscia la notizia” relativo ai concorsi dei dirigenti comunali di Massafra si arricchisce di un’altra pagina.

A scriverla sono proprio i diretti interessati, o meglio tre dei quattro dirigenti coinvolti nella vicenda, essendo l’arch. Lorenzo Natile nel frattempo passato agli uffici della Provincia: la dott.ssa Maria Rosaria Latagliata, dirigente della 3^ Ripartizione (Servizi Sociali, Pubblica Istruzione, Cultura, Sport e Turismo), il dott. Simone Simeone, dirigente della 2^ Ripartizione (Contabilità, Tributi, Personale), l’arch. Luigi Traetta, dirigente delle Ripartizioni 5^ (Urbanistica e Edilizia) e 4^ (Lavori Pubblici e Patrimonio), quest’ultima conferita dopo l’aspettativa concessa all’arch. Natile.

La nota, diretta al Sindaco, alla Giunta e al Presidente del Consiglio Comunale, chiede di far luce sul caso attraverso un documento da inviare agli organi di informazione ed alla stessa trasmissione.

“Con riferimento alle notizie “fuorvianti ed artatamente montate” apparse negli ultimi giorni nella trasmissione nazionale “Striscia la notizia”, chiediamo - scrivono i dirigenti - di fare chiarezza sulla vicenda posta all’attenzione nazionale, pubblicando un apposito comunicato stampa sui quotidiani a diffusione locale ed inoltrando alla redazione della trasmissione televisiva, una relazione che illustri, in maniera sistematica e non “parziale e manipolata”, i passaggi procedimentali e gli atti sin qui adottati dall’Amministrazione, con richiesta di rettifica ed integrazione delle notizie che hanno riguardato i “dirigenti del Comune di Massafra”, mandate in onda dal 4 maggio, tanto al fine di rappresentare la verità dei fatti e fornire all’opinione pubblica la corretta rappresentazione degli eventi succedutesi nel tempo, così restituendo dignità e legittimazione all’apparato burocratico di questa Amministrazione comunale.”

“Chiediamo - proseguono – di essere tutelati come persone e come lavoratori, che si impegnano quotidianamente per il regolare funzionamento della macchina amministrativa e per il perseguimento e il raggiungimento degli obiettivi di questa Amministrazione. Certi che l’esigenza di verità non possa che essere comune e condivisa dalle signorie vostre nell’interesse dell’ente, confidiamo nella celere pubblicazione del chiesto comunicato e nella trasmissione della richiesta di rettifica ed integrazione delle notizie mandate in onda. Riserviamo espressamente - concludono - ogni azione a tutela della nostra immagine in ogni competente sede, sia legale che sindacale.”

Redazione ViviMassafra


WhatsApp

Iscriviti al servizio WhatsApp e ricevi GRATUITAMENTE le notizie più importanti direttamente sul tuo smartphone. Clicca qui per iscriverti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

on the spot

On The Spot

Eventi

PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

Seguici su