GLI STUDENTI DEL MONDELLI PREMIATI AL CONVEGNO NAZIONALE ISDE-MEDICI PER L’AMBIENTE DI TARANTO

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO la seguente nota da parte dell'ISDE Massafra.

Importante riconoscimento ottenuto dagli studenti Massafresi, premiati in occasione della Conferenza Nazionale “Clima Inquinamento Atmosferico e Salute”, organizzata a Taranto il 15 e 16 maggio, da ISDE con la collaborazione di importanti istituzioni tra le quali il Ministero della Salute e l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

La sezione ISDE – Massafra ha partecipato insieme agli studenti del Mondelli di Massafra con un intervento dal titolo “Cambiamenti climatici: denuncia e proposte delle nuove generazioni”. Sul palco si sono avvicendati Pietro Carrera nelle vesti di sindaco, Biagio Fornaro nelle vesti di faccendiere impegnato nello smaltimento dei rifiuti e Cosimo Quaranta nelle vesti di imprenditore agricolo.

I tre studenti hanno fatto una piccola rappresentazione in cui, dopo aver visto il video delle iene “Come inquinare di meno e vivere felici” (https://www.iene.mediaset.it/video/toffa-come-inquinare-meno-e-vivere-felici_65455.shtml), iniziano con un breve esame di coscienza: analizzando l’impatto delle loro attività sul mondo. Le frasi che esprimono la loro crisi di coscienza si susseguono mettendo in evidenza tutti i punti più critici delle nostre attività: “Ho scelto varietà remunerative dal punto di vista economico, ma poco adatte al territorio e questo mi porta a continui interventi in campo con un consumo davvero elevato di gasolio”, “poi addirittura il metano delle vacche! Oggi scopro che è un potente Gas serra, 21 volte più potente dell’anidride carbonica! [1] Devo dirlo alle mie vacche Carolina, Grazia, Caterina che sembrano così naturali, ma che anche loro inquinano!”, “Questa mattina mio figlio si è affacciato al balcone e mi ha chiesto” papà, ma quelle nuvole in cielo escono dai camini del tuo inceneritore?”, “Ho sentito anche che alcune mamme non sapevano più se allattare o meno al seno perché avevano rilevato elevati quantitativi di diossine nel latte materno delle donne del nostro territorio”, “ho sempre permesso ai miei cittadini di utilizzare liberamente le automobili senza pensare a quanto inquinino”.

Poi uno di loro ha un guizzo e chiede agli altri di cambiare prospettiva, di seguire il cambiamento e sviluppare idee per continuare a guadagnare seguendo le nuove tendenze di consumo più attente all’ambiente. Anche qui le loro idee sono incalzanti e si susseguono nell’entusiasmo di un mondo più bello e salutare: “potrei passare all’agricoltura biologica, so che contribuisce alla mitigazione dei cambiamenti climatici soprattutto quando si presta attenzione all’aumento della sostanza organica nei propri terreni”, “ho fatto un calcolo e per ogni punto percentuale di sostanza organica che aumento nel terreno immagazzino la CO2 emessa da un’auto che percorre 354.000 km”, “Ho incontrato il sindaco del mio paese, le aziende di servizio per il trasporto dei rifiuti e ho proposto la mia idea: un centro di riprogettazione e riuso- Un posto grande, enorme, che avesse tre anime: da una parte un grande punto di raccolta di oggetti usati che fossero già in discrete condizioni e che potessero essere messi a disposizione della comunità a costi contenuti; dall’altra un grande ambiente nel quale far lavorare soggetti svantaggiati sul recupero di materiali preziosi e utili dalle lavatrici, frigoriferi e dagli oggetti elettronici…”, “E’ necessaria la costruzione di una rete di piste ciclabili che coinvolga ogni strada urbana ed extraurbana in modo da garantire un minore utilizzo delle automobili”, “Incrementare l’utilizzo di siepi per circondare gli edifici pubblici perché sono capaci di assorbire grandi quantità di sostanze inquinanti e polveri sottili”, “Costruzione di impianti fotovoltaici ed eolici nella periferia del paese capaci di alimentare grosse aree urbane per quanto riguarda l’illuminazione pubblica”.

I ragazzi sono stati preparati dal professor Alberto Caruso del Mondelli e dai soci ISDE: Chiara Mastrangelo, Anna Maria Moschetti, Marco Paolo Mangiamele, Lucia Lazzaro, Paolo Cavallotti. Un bel lavoro di squadra ed un eccellente scambio intergenerazionale che ha arricchito tutti.

ISDE Massafra


WhatsApp

Iscriviti al servizio WhatsApp e ricevi GRATUITAMENTE le notizie più importanti direttamente sul tuo smartphone. Clicca qui per iscriverti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

on the spot

On The Spot

Eventi

PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

Seguici su