GIOVINAZZI: APPROVAZIONE DEL BILANCIO DI PREVISIONE 2018 CON MAGGIORANZE A GEOMETRIA VARIABILE

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO la seguente nota da parte dalla sezione di Massafra de "La Lega con Salvini Premier".

Lo scorso 23 aprile è stato approvato il bilancio di previsione 2018 con una maggioranza apolitica, a geometria variabile. Una maggioranza raccogliticcia, che si ritrova di volta in volta. Il bilancio è sempre un documento di programmazione, ma questa maggioranza non sa neppure cos'è la programmazione, non è nemmeno capace di cogliere i suggerimenti dati .

Noi della LEGA CON SALVINI, in tempi non sospetti e in diverse circostanze, abbiamo suggerito al sindaco come valorizzare le nostre ricchezze comunali con le quali avviare o diversificare l’economia del nostro paese. In tale scenario andrebbero però individuate le convenienze possibili per nuovi investimenti non solo da parte di privati, ma soprattutto dall’amministrazione comunale.
Tutto questo passa attraverso lo strumento politico-amministrativo che è il bilancio di previsione, declinato nella sua triennalità.
Il bilancio di previsione è il documento più importante per un ente locale, lo strumento di programmazione di tutte le attività che il Comune intende fare nell’anno indicato. Dovrebbe essere un bilancio che ha come perno l’attenzione per i più deboli, i progetti per le famiglie in difficoltà, la crescita culturale ed economica della comunità.
Inoltre, le politiche d’espansione di sicurezza, l’aumento dei fondi per i servizi alle persone in “continuità” con i valori e la sensibilità politica che fin qui questa amministrazione ha negato. Tutto questo che abbiamo citato è stato, puntualmente, disatteso dalla maggioranza che sostiene Quarto. È stato approvato un bilancio di previsione senza “fantasia” politica e solo stanziamenti di risorse in ambiti specifici. Di male in peggio! Però quello che dovrebbe preoccupare i massafresi è il famigerato lodo arbitrale tra l’azienda dei rifiuti CISA ed il Comune di Massafra, destinatario di una sentenza di condanna al pagamento di 12 milioni 271 mila 128,43 euro più gli interessi legali.
A tutt’oggi non sappiamo se la sentenza di appello è pervenuta al Comune (era prevista entro marzo 2018). Una situazione veramente inquietante e paradossale: da un lato il Comune rischia il fallimento per merito della CISA e dall’altro si riconosce alla CISA la possibilità di allargare la propria attività (raddoppio inceneritore, impianto per fanghi etc).
Di chi la colpa? Di chi la responsabilità?Anche il sindaco Quarto non è esente da responsabilità (risagomatura con aumento di 140 mila/ton. Di rifiuti).

Entrando nello specifico del bilancio di previsione 2018 e del DUP (Documento unico di programmazione) per quanto riguarda le spese ecco nel dettaglio alcune voci:

Diritto alla studio: si evince una riduzione dei fondi per il triennio di oltre 12%
Valorizzazione dei beni di interesse storico: tale programma prevede esigue risorse nella gestione corrente e ciò denota una mancanza di programmi per la valorizzazione del territorio. Nella spesa in conto capitale sono stanziate risorse per oltre un milione di euro (sono fondi che effettivamente arriveranno, l’anno 2018 è iniziato da alcuni mesi, ma non vediamo lavori in corso).
Attività culturali: le risorse stanziate non permettono alcuna attività se non accontentare le associazioni con piccolissimi eventi e non si può certo organizzare un carnevale serio, né un cartellone di manifestazioni estive che possa portare turisti nel territorio. Ancora una volta è messo in evidenza che Massafra non avrà più il suo Carnevale per colpa dell’assessore Bommino e del sindaco che lo sostiene. Ha affossato l’unica ed insostituibile manifestazione importante che avevamo.
Sport e tempo libero: risorse simili al 2017, ma non abbiamo creato o valorizzato attività di particolare interesse. Nessuna somma per i giovani. Una vergogna!
Sviluppo e valorizzazione del turismo: solo miseri 47.000 euro circa. Lascia perplesso un dato: le risorse stanziate del 2017 sono pari a 518.000 euro. Quali attività sono state realizzate nel 2017?
Per la tutela del territorio non sono previsti fondi. Tutte le risorse sono destinate ai rifiuti.
Interventi per l’infanzia e asili nido, risorse dimezzate
Non sono previsti interventi per la disabilità, per gli anziani.
9. Gli interventi per le famiglie si riducono di oltre 1/3. Pochi euro per l’agricoltura.
Stanziati 136.159 euro per lo sviluppo economico per le PMI, artigianato, industria e commercio. Come può crescere un paese con risorse così misere stanziate in settori così importanti?
Un’amministrazione “molto attenta” all’urbanistica e assetto del territorio con più di 13 milioni stanziati. I "palazzinari” devono essere rispettati.
La mancanza di programma della spese non è giustificabile considerato che le entrate tributarie sono costanti e i trasferimenti diminuiscono solo di circa il 10%. Tuttavia, visti gli emendamenti al bilancio, si evince una totale approssimazione sia dell’organo politico nel determinare gli obiettivi, ma ancor di più dell’organo esecutivo con errori nelle determinazione delle entrate. L’ente, in sede di predisposizione del bilancio, non ha aggiornato il DUP e ciò vuol dire che non ha programmato e riprogrammato nulla per il prossimo triennio.

Per concludere, noi della LEGA CON SALVINI di Massafra siamo certi e convinti, nonostante i nostri suggerimenti, che questo sindaco e questa amministrazione, per quello che non hanno fatto fino ad oggi, hanno dimostrato che l'amministrazione ordinaria è diventata straordinaria, e quella straordinaria è diventata impossibile.
Ne dà atto questo bilancio di previsione, approvato con qualche “defaillance” dei dirigenti (si contano ormai in una mano).
Presi, come sono, da tensioni interne, ma soprattutto da un bilancio senza prospettive di sviluppo, votato solo all’ordinaria amministrazione. Forse!

LA LEGA CON SALVINI PREMIER, SEZIONE DI MASSAFRA

on the spot

On The Spot

Eventi

PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

Seguici su