GIOVINAZZI: VERSO LA CHIUSURA DEI PUNTI DI PRIMO INTERVENTO ANCHE A MASSAFRA

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO la seguente nota del Segretario Cittadino “Lega con Salvini Premier” Gaetano Giovinazzi.

Sulla pelle degli ammalati la tragica situazione sanitaria-ospedaliera in Puglia. Una situazione tragica quanto ridicola sta’ accadendo in Puglia. Come sosteneva qualcuno l’altro giorno,”per rinnovare il tiket devi fare la coda fino alla strada “. Siamo ridotti proprio male con la conseguenza che il 15% dei pugliesi rinuncia a curarsi perché non ha i soldi ed i mezzi. Di chi la colpa,di chi la responsabilità di quanto sta accadendo ? La lettura del lento,inesorabile deterioramento della consistenza politica del Partito Democratico e del suo anfitrione politico in Puglia Michele Emiliano,nonché Presidente ed assessore alla sanità,hanno dato la “mazzata” finale sui Punti di Primo Interevento(PPI) con la chiusura in diversi nostri paesi della provincia di Taranto quali Massafra,Ginosa,Grottaglie,Statte,Mottola. Il provvedimento regionale di riordino risulta approvato nella seduta di martedi’ u.s. Emiliano cerca scuse sostenendo che è il ministero a pretenderne la chiusura a seguito del piano di riordino ospedaliero,guarda caso proprio quello approvato dalla regione Puglia. I PPI sono strutture territoriali con il compito di stabilizzare i pazienti verso il pronto soccorso. 

Verranno sostituiti da postazioni del 118. In pratica un paziente se prima andava al pronto soccorso,oggi deve utilizzare il 118 e tutto cio’ che non è urgente deve essere affidato al territorio (medici di base e pediatri) anche con ambulatori aperti per 18 ore. In pratica Emiliano non prende in considerazione le reali esigenze del territorio e vuole chiudere i PPI senza aver riorganizzato il sistema dell’emergenza. Per non parlare delle Liste d’attesa per una prenotazione : per un elettrocardiogramma bisogna aspettare piu’ di 150 giorni e per una risonanza magnetica piu’ di un anno.Una follia senza tempo ! Questo è il quadro sconfortante della sanita’ pugliese grazie ad Emiliano ed ai suoi sodali del partito democratico ( Mazzarano dove sei ? Dove sono tutte le promesse fatte ai cittadini di Massafra ? A striscia la notizia ?) Non vogliamoche la Regione Puglia salga agli onori della cronaca come successo in altro posto dove un pensionato ha ucciso la figlia disabile perché non aveva i mezzi ed i soldi per curala adeguatamente. La sezione di MASSAFRA “LEGA CON SALVINI PREMIER “,in sintonia e stretto contatto con gli organi provinciali del partito nella persona di ANGELO GIANFRATE,di fronte a questo sciagurato,incomprensibile ed inopportuno atteggiamento della regione Puglia,a cominciare da Massafra e con l’aiuto dei cittadini fara’ diversi manifestazioni davanti agli ospedali (PPI) interessati per cercare di far desistere Emiliano da questo insano atteggiamento ai danni della salute dei cittadini di Massafra e della intera provincia. La difesa dello stato sociale è possibile solo a patto di smantellare la gigantesca torre di Babele degli apparati pubblici che divora un oceano di denaro come per la sanità(basta vedere il giro di affari delle società private coinvolte dello scandalo della ASL di Taranto, venuto a galla grazie a Striscia la Notizia). Non è politica “etica” quella che dice di proteggere i poveri o gli ammalati togliendo soldi a chi ne percepisce già pochi. Questo paese non puo’ rimanere “normale” se la normalità vuol dire lasciare tutto come stà od operare solo con qualche ritocco .Questo paese deve diventare SERIO.Con la vittoria alle politiche del 4 marzo scorso del centro-destra ed in particolare il brillante risultato della LEGA CON SALVINI PREMIER anche a Massafra ed in tutta la Puglia,bisogna fare in modo di ridare un senso alla politica. Non solo di renderla concreta nella risoluzione che le richiede dei problemi quotidiani ma,piuttosto,di garantirle,in questa nostra civiltà,un FUTURO. Noi a Massafra abbiamo incominciato a farlo.

Gaetano Giovinazzi
Segretario Cittadino “Lega con Salvini Premier”


WhatsApp

Iscriviti al servizio WhatsApp e ricevi GRATUITAMENTE le notizie più importanti direttamente sul tuo smartphone. Clicca qui per iscriverti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

on the spot

On The Spot

Eventi

PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

Seguici su