Seguici su

POLITICHE 2018. FORZA ITALIA SCRIVE AL PREFETTO

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO la seguente nota da parte della Sezione di Forza Italia di Massafra.

E’ possibile trarre un’indicazione locale dalle ultime elezioni politiche nazionali ? Intendiamoci,non un’analisi di come ha votato l’elettorato massafrese o quantomeno non solo di questo.

A Massafra si è consumata una specie di “vendetta trasversale”,ennesimo anello della catena di rivalse e ripicche che si trascinano da quando questa amministrazione ha scalzato quella precedente di Tamburrano che sembrava l’invincibile macchina da guerra elettorale locale(tutto il centro-destra) Tuttavia ci sembra interessante cercare di trovare nel voto che ha sancito il “botto” dei pentastellati qualche lezione di carattere più generale. A nostro avviso,qualcosa si può trovare ed anche di una certa immediata applicabilità. PRIMO: ha vinto la poltica che ha parlato alla pancia delle persone e dei loro problemi quotidiani e concreti. Ha perso,invece,la politica che pretende solo di rappresentarla. Quindi parlare dei bisogni concreti e proporre soluzioni tangibili e verificabili sono la prima lezione. La politica si può dividere sul come affrontare il problema ma se prova a dire che non c’è o non è importante,verrà castigata.Viceversa,molte più speranze di trovare seguito fra i cittadini può avere una strategia improntata a soccorrere concretamente chi ha bisogno. SECONDO : non puoi aspettare la campagna elettorale per dire quali sono le cose buone che hai fatto stando all’opposizione. Per quanto banale possa sembrare questo concetto,è stato uno dei limiti della campagna elettorale di Forza Italia (Tamburrano) a Massafra e dell’intero centro-destra e due anni fa (amministrative comunali) è stato uno dei limiti della amministrazione uscente (Tamburrano) . I cittadini non sono disposti a firmare deleghe in bianco per cinque anni e poi valutare l’operato dei suoi raprresentanti alle elezioni successive. Ci deve essere un “ CONTINUUM “,sia quando si è in maggioranza sia quando si è opposizione. Se li si mette in condizioni di doverlo fare,la BOCCIATURA è scontata . Il CONTRATTO CON I CITTADINI ELETTORI VA MANTENUTO QUOTIDIANAMENTE !! Si è detto che i pentastellati hanno vinto perché non essendo al governo,locale e nazionale,hanno potuto fare campagna elettorale sul territorio negli ultimi anni. Magari,non è solo questo,ma sicuramente se fossero saltati fuori solo alla vigilia delle elezioni tutti quei voti non li avrebbero presi. Quindi la seconda lezione è che trascurando il contatto con la propria comunità puo’ essere fatale .Lo è stato con l’amministrazione precedente (Tamburrano) con la conseguente sconfitta elettorale al Comune,prima, ed al Senato,dopo. E non bastano a ribaltare le situazioni le mancette pre-elettorali. Anzi,il rischio concreto è che suonino di presa in giro e ottengano l’effetto contrario.

La realtà è che la nave va piu’ veloce se i rematori sanno dove si sta andando e se il capitano li tiene aggiornati costantemente sulla rotta da seguire.(questo vale anche per il sindaco Quarto ) Ma per fare questo è necessario che la politica scenda da “cavallo”,ascolti i bisogni e non abbia la presunzione di dettare l’agenda a tutti i costi,anche se questa non è condivisa. E’ questa è la differenza fra cittadini e sudditi,alla fine. Cosa hanno fatto in questi due anni i consiglieri comunali ed in particolare i tre di Forza Italia ? Come in passato,non raramente capita all’ascoltatore attento di chiedersi se l’interlocutore politico dice o fa cose realmente a vantaggio della collettività o se invece è un’OPPORTUNISTA che agisce esclusivamente per tornaconto personale e si definisce FURBO. Essere furbi non è negativo ma se si usa a scapito degli altri non è certamente un comportamento ETICO .Quanti FURBI abbiamo in consiglio comunale ? Quante volte sono presenti nelle varie commissioni comunali e nei vari CONSIGLI COMUNALI ,cosi’ come vuole la legge ? Non sarebbe il caso che il Segretario Comunale verificasse se ci sono gli estremi (vedasi statuto comunale art.38) per chiedere la DECADENZA di alcuni consiglieri comunali abitualmente assenti ? Cosa aspetta il Sindaco(ammesso sia attento) a portare in consiglio comunale quanto da noi sostenuto e verificato ? Altrimenti saremo costretti ad informare S.E. il Prefetto .Di converso,dal punto di vista politico,i consiglieri comunali che tipo di rapporto hanno con le rispettive segreterie politiche locali ? NESSUNO ! E’ auspicabile,anzi necessario,prendere le distanze da questo autarchico qualunquismo ed allontanare,anzi espellere,dai partiti questi personaggi che antepongono il proprio interesse a quello dei cittadini che li hanno eletti. Non sarebbe il caso che i partiti ,attraverso i propri circoli locali,recuperassero l’antico rapporto e cioè formazione dei quadri politici attraverso la militanza quotidiana ed il continuo rapporto con i cittadini ?Per concludere,nel suo decalogo del buon politico,LUIGI STURZO aveva detto,piu’ di cinquant’anni fa, “- avere cura delle piccole,oneste esigenze del singolo cittadino come se fosse un affare importante è un buon metodo di politica “. Oggi, a distanza di tempo,siamo convinti che queste parole riescano a sintetizzare in poche righe il senso di grandissima attualità che si attribuisce all’arte della poltica e cioè la ricerca del bene della comunità ed il suo perseguimento prima di ogni altra cosa .In una parola : L’ETICA DELLA POLITICA ! NOI DELLA SEZIONE DI FORZA ITALIA,RINNOVATA NELLE PERSONE E NEGLI OBIETTIVI,INIZIEREMO CON I NOSTRI CONSIGLIERI COMUNALI,TAMBURRANO,ZACCARO E MASSARO,A RAPPORTARSI CON I DETTAMI DELLA SEZIONE DI MASSAFRA,AVENDO UN UNICA DIRETTIVA,POLITICA E PROGRAMMATICA,CASO CONTRARIO CI VEDREMO COSTRETTI AD AVVIARE PROCEDURE ANCHE FINO ALLE ESTREME CONSEGUENZE !

LA SEZIONE DI FORZA ITALIA DI MASSAFRA


WhatsApp

Iscriviti al servizio WhatsApp e ricevi GRATUITAMENTE le notizie più importanti direttamente sul tuo smartphone. Clicca qui per iscriverti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA