Seguici su

BASKET: LA TEKNICAL SPORT DOMINA IL DERBY PER 62-42

  • 21 Febbraio 2018
  • 459

Nel momento più difficile, nella partita più prestigiosa: la Teknical Sport torna alla vittoria dopo 6 nerissime domeniche, lo fa nel Derby contro la Young Basket, lo fa per 62-42, un successo nei numeri storico, visto che da quando milita in Promozione, la squadra di Mario Salvi non aveva mai vinto una partita di 20 punti (high addirittura di 14, cifra modesta per una squadra dal bilancio sempre positivo tra vittorie e sconfitte).

Eppure era partita malissimo: non ci nascondiamo e siamo onesti, il momento negativo che si viveva in spogliatoio dall’inizio del nuovo anno portava con sé timore ma anche tensione per questo Derby, perché mai come oggi i 2 punti erano di vitale importanza per la lotta all’accesso alla Poule Promozione, dalla quale prima della palla a due la Teknical ne era momentaneamente fuori. Le gambe quindi all’inizio sono pesantissime, contrariamente a quelle di Semeraro e Viesti, che con le loro folate portano la Young sul 4-11 dopo 8 minuti. Il time-out di Salvi è come spesso accade efficace: nel finale di primo quarto finalmente la squadra comincia a girare, un buon Oliva e un canestro di Mansueto chiudono al decimo sul -4 (8-12).

Il sorpasso arriva subito: ancora Mansueto protagonista, che firma da solo il 5-0 che vale il primo vantaggio Teknical sul 13-12. Fino all’intervallo la gara sarà sempre tirata, in un primo tempo classico da Derby, ovvero con pochi canestri e tanta intensità: in casa Teknical provano ad entrare in partita Francioso e un Carabotta convocato all’ultimissimo, febbricitante (evidente in campo rispetto al solito grande lavoro, e soprattutto rispetto alle ottime ultime partite), mentre sponda Young coach Semeraro gestisce i suoi e anche con la panchina riesce a rimanere a galla: 22-21 alla prima sirena lunga.

Il terzo quarto è quello che inizia a scavare il solco, soprattutto per ciò che succede dietro l’arco: i biancorossi ritrovano un’ottima confidenza col tiro da 3 punti, che deriva però da una grande circolazione di palla che porta tanti giocatori a tiri aperti e non da azioni individuali, mentre dall’altra parte Semeraro prova in tutti i modi a sbloccarsi dalla lunga distanza, ma nella serata troverà solamente una tripla, contenuto alla grande dalla difesa biancorossa. Mansueto, Mariano e Francioso mettono una bomba a testa, ma nel finale di terzo quarto le luci della ribalta sono tutte per Mattia Bruno con due triple di fila per il +10 al trentesimo (39-29). Da segnalare però nel terzo quarto c’è, purtroppo, anche l’infortunio di Gianfranco Sottile, che dopo una storta alla caviglia non riuscirà più a giocare.

Nell’ultimo quarto c’è da gestire il vantaggio di 10 punti, e si sa che in queste situazioni tante volte la Teknical non ha mai avuto la freddezza nel farlo. Stavolta sì: al festival delle triple si iscrive anche lo specialista Rotolo per il +14 (44-30). La YBM prova con le ultime forze a mantenere accesa qualche fioca speranza, in particolare grazie ai più giovani, ai liberi di Zimmari (2001) e alle giocate di carattere di Ciccarelli (2002). Ma la Teknical riaffonda ancora il colpo sull’asse Bruno-Mansueto: il playmaker gioca la sua miglior partita dell’anno, mette un’altra tripla e poco dopo scarico per la bomba di Mansueto, che a sua volta nell’azione precedente aveva pescato un grande taglio a canestro di un ottimo Mariano. Per la prima volta non c’è volata: finisce 62-42.

Come detto l’importanza di questi 2 punti è indescrivibile, per una classifica che ormai non lascia più margine di errore dopo i tanti commessi, e per un ambiente che torna a festeggiare la vittoria e scacciare via i malumori. Ma per l’accesso alla Poule Promozione tutto questo non basta, anzi: ora la Teknical è quinta in classifica (quarta pari merito con Taranto, Brindisi e Cisternino) quindi destino ancora nelle proprie mani a 2 giornate dal termine. Domenica però la trasferta è difficilissima: si va ad Alezio, vincere farebbe volare, perdere renderebbe tutto più complesso.

Ci riserviamo la fine di questa cronaca per riconoscere i meriti della vittoria ad un grande gruppo, del quale fanno parte tante persone, tra cui Massimo Mansueto, 42 anni e top scorer per media punti dei 4 Derby, tra cui Carmelo Sottile, esattamente un girone di assenza che pesa come un macigno, tra cui Mario Salvi, l’anima e il cuore della SUA squadra.

TEKNICAL SPORT MASSAFRA – YOUNG BASKET MASSAFRA 62-42
Parziali: 8-12, 22-21, 39-29.

TKS: Bruno 10, Bulfaro, Carabotta 6, L. Castiglia, Francioso 5, Leggieri 2, Mansueto 20, Mariano 9, Oliva 2, Rotolo 8. All. Salvi.

YBM: Ciccarelli 4, Gentile, Marangione 7, Ninni 4, Orlando, Ricci 2, Semeraro 13, Sottile 2, Viesti 8, Zimmari 2. All. Semeraro.

Fabrizio Masi


WhatsApp

Iscriviti al servizio WhatsApp e ricevi GRATUITAMENTE le notizie più importanti direttamente sul tuo smartphone. Clicca qui per iscriverti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA