EDUCAZIONE STRADALE ALL’ISTITUTO COMPRENSIVO "A. MANZONI"

Lunedì 13 Novembre si è svolto il primo incontro, di un ciclo di tre, di Educazione Stradale organizzato dall’Istituto Comprensivo “De Amicis-Manzoni” per le classi terze della Scuola Secondaria di I Grado con la Polizia Stradale di Taranto.

Sono intervenuti l’Ispettore Marcuccio Antonio e l’Assistente Capo Pesce Antonella. Ha introdotto l’incontro la docente Maria Teresa Longo, che ha invitato i ragazzi a riflettere sul valore della strada come luogo comune di incontro e di transito, come spazio che appartiene alla collettività, e per questo organizzata da regole di diverso tipo, necessarie a salvaguardare la vita di tutti i fruitori.

Gli Agenti della Polizia hanno spiegato ai ragazzi in modo semplice e diretto quanto sia importante assumere per la strada un comportamento corretto, come ad esempio fare sempre uso della cintura o del casco, rispettare i limiti di velocità. Sebbene gli uditori destinatari avessero un’età compresa tra i 13 e i 14 anni, non in grado di essere alla guida di un’autovettura o di una moto, è evidente quanto sia necessario investire oggi sui giovani per assicurarsi dei cittadini responsabili del domani. Il riferimento alle migliaia di morti per incidenti stradali in un anno ha fatto subito venire in mente quel giovane compagno di scuola che due mesi fa ha perso la vita in un incidente stradale, Antonio Bardaro. A lui è dedicato il Progetto sulla sicurezza stradale con l’impegno di contribuire come Scuola, per quello che è possibile, a invertire la tendenza funesta attuale di vite spezzate sulla strada, aggravata dal 2013 dall’uso smodato di telefoni cellulari mentre si è alla guida.

Più volte è stato sottolineato quanto è sui giovani che occorre investire nella formazione del senso civico; sensibilizzarli sui rischi che corrono sulla strada è di fondamentale importanza, perché essi possono addirittura fungere da input educativo sugli stessi genitori. Sono stati mostrati dei cortometraggi, realizzati dall’Università degli Studi “La Sapienza” di Roma, di grande impatto emotivo, che hanno offerto all’ispettore Marcuccio e all’Assistente Capo Pesce l’occasione per invitare i ragazzi a testimoniare emozioni, riflessioni personali, a sintetizzare in uno slogan ciò che l’incontro di due ore ha trasmesso loro: “La vita è una, non distruggerla con un messaggio”.

Maria Teresa Longo


WhatsApp

Iscriviti al servizio WhatsApp e ricevi GRATUITAMENTE le notizie più importanti direttamente sul tuo smartphone. Clicca qui per iscriverti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

on the spot

On The Spot

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
2
3
4
6
7
11
12
13
14
15
18
19
20
21
24
25
26
27
28
29
30
31

PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

Seguici su