UNA STATUA PER I 400 ANNI DI FRA GIUSEPPE AMATI

Martedì 10 Ottobre 2017 alle ore 18.30 si terranno nell'Antica Chiesa Madre di Massafra le Celebrazioni per il IV Centenario della nascita di Fra Giuseppe Amati da Massafra OFM Conv., 74º successore di San Francesco d'Assisi.

Il Fra Giuseppe Amati nacque a Massafra (Ta) il 4 Maggio 1617 e venne battezzato lo stesso giorno nel fonte battesimale tuttora esistente dell’Antica Chiesa Madre. Alla sua formazione contribuirono i Frati Conventuali del Convento di San Rocco ubicato in contrada Palata, nella immediata vicinanza del centro antico di Massafra. Continuò i suoi studi a Roma dove conseguì i gradi accademici per l’insegnamento della Sacra Teologia. Tra i suoi confratelli nell'Ordine e amici si annoverano San Giuseppe da Copertino e il Cardinale Brancati di Lauria, Bibliotecario e Camerlengo di S.R.C. Dopo essere stato "Lector et Magister Theologiae", venne nominato Inquisitore a Siena, e succesivamente, nel 1677, eletto Ministro generale dell’Ordine dei Frati Minori Conventuali, mandato che concluse nel 1683. Preconizzato da Innocenzo XI vescovo di Assisi, al quale era legato da profonda amicizia, rinunziò con grande umiltà, rimanendo a Roma nel Convento dei SS. Apostoli, dove morì il 1 Ottobre del 1688; venne sepolto nell'omonima Basilica romana. Il Padre Amati, riconoscente alla sua terra natia, negli anni in cui serviva con alti incarichi il suo Ordine, volle lasciare nell’Antica Chiesa Madre di Massafra un segno della sua vocazione conventuale come si evince dall’affresco da lui presumibilmente commissionato e or ora riscoperto, raffigurante San Francesco di Assisi nell’atto di ricevere le stimmate. L’abito indossato dal Santo è quello dei Conventuali; nella parte superiore è raffigurato anche schematicamente il Sacro Convento di Assisi. La datazione dell’affresco non è posteriore alla metà del XVII secolo. Le celebrazioni centenarie condotte dall'Archeologa Medievista locale Mina Castronovi e a cura di Giuseppe Delprete, saranno introdotte dall'Accademico dei Lincei Mons. Prof. Cosimo Damiano Fonseca, Rettore dell'Antica Chiesa Madre di Massafra. Seguiranno i saluti di Don Eugenio Fischetti, Parroco e autore di un libro sull'Amati e del Sindaco di Massafra, Avv. Fabrizio Quarto. Prenderà poi la parola il Prof. Francesco Sportelli dell'Università della Basilicata e studioso di Storia della Chiesa, che presenterà il volume di Eugenio Fischetti dal titolo "Il Padre Giuseppe Amati da Massafra, 74º successore di S. Francesco - IV Centenario della nascita (1617 - 4 Maggio - 2017)". Il M° Pietro Silvestri e il Coro della Parrocchia San Francesco di Paola di Massafra diretto dal M° Enzo Leo accompagneranno il clima culturale della religiosità barocca con un brano di Bernardo Pasquini (1637-1710) e con il Cantico di Frate Sole del Padre Luigi De Santis (1934-2014). A rappresentare poi la Famiglia Conventuale sarà il Padre Vincenzo Maria Giannelli OFM Conv., Ministro provinciale dei Conventuali di Puglia che offrirà un suo intervento. Le conclusioni saranno affidate al Vescovo diocesano di Castellaneta, S. E. Mons. Claudio Maniago, che a seguire scoprirà una lapide commemorativa presso il fonte battesimale dove Fra Giuseppe Amati nacque alla fede, benedicendo infine nel largo adiacente l'Antica Chiesa Madre una statua scultorea realizzata in pietra leccese e dedicata all'illustre concittadino, annoverato nella successione serafica del Poverello di Assisi e Patrono d'Italia.

Redazione ViviMassafra


WhatsApp

Iscriviti al servizio WhatsApp e ricevi GRATUITAMENTE le notizie più importanti direttamente sul tuo smartphone. Clicca qui per iscriverti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

on the spot

On The Spot

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
2
3
4
6
7
11
12
13
14
15
18
19
20
21
24
25
26
27
28
29
30
31

PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

Seguici su