È PROPRIO VERO: LA CLASSE NON È ACQUA!

Il 20 settembre l'I. I. S. S. “C. Mondelli” ha ospitato, nell'Auditorium “Nicola Lazzaro”, l’incontro “La classe non è acqua” con Igor Cassina, Campione olimpico ad Atene 2004, e Stefano Sacripanti, coach della squadra di basket Scandone Avellino.

L'evento, organizzato dal Presidente della Fondazione “Paolo Loreto”, prof. Giuseppe Semeraro, e contestualizzato nella manifestazione in memoria del trentennale dalla scomparsa del giovane Paolo Loreto, ha visto la partecipazione di studenti e docenti dell’Istituto “Mondelli-Amaldi” e di una rappresentanza del liceo “De Ruggieri”.

Il Dirigente scolastico ha prontamente manifestato la sua personale ammirazione per Paolo Loreto, riconoscendone le indubbie qualità umane se in tanti si incontrano in sua memoria e concertano insieme azioni culturalmente significative.

Il Sindaco, Dott. Fabrizio Quarto ha sottolineato l’importanza dell’iniziativa che, avvicinando i due mondi, sport e scuola, conferma i valori universali nella formazione della persona; ha poi incoraggiato la promozione di altre attività di tale natura per consolidare nel tempo l’alleanza tra le varie agenzie educative e trasferire modelli solidi e sani.

Straordinario l’intervento di Igor Cassina che, con voce pacata ma incisiva, ha scrollato le coscienze di tutti, esortando ad accarezzare un sogno nella vita, a non accontentarsi, a fissare sempre “una meta alta, per mantenere elevata la concentrazione” e a perseguirne la realizzazione con costanza e tenacia.

Cassina si è concesso con grande generosità alla platea, rispondendo con dovizia di particolari alle domande rivolte; dalle sue risposte trasparivano la sua forte personalità e le sue integre qualità interiori. Un vero campione si misura anche dal suo modo di rapportarsi in contesti diversi e lui ha catturato l’attenzione dei presenti con la sua eccezionale umanità, confermando la validità dello sport nella vita di ognuno quando coniuga sapientemente talento, umiltà e sacrificio. Il suo monito a non risparmiarsi per raggiungere un obiettivo difficile è risultato un messaggio positivo e duraturo. La visione del filmato del suo famoso esercizio alla sbarra, con cui ha conquistato l’oro olimpico, ha mandato in visibilio gli alunni che hanno salutato il Campione con un lungo e caloroso applauso.

Anche Stefano Sacripanti ha abbondantemente soddisfatto le curiosità degli studenti, evidenziando la necessaria sinergia delle capacità individuali nel gioco di squadra, la condivisione degli sforzi e del successo, nonché l’impegno comune nel superare i limiti. Il ruolo del coach richiede responsabilità e competenze raffinate, ma dalle sue parole scaturiva la saggezza di un uomo attento alla persona prima che all’atleta.

IMG 9607

L’entrata in sala di un gruppo di giocatori dell’Avellino ha aggiunto al vivace dibattito una piacevole sorpresa che si è rivelata ancora più entusiasmante quando gli stessi si sono trattenuti a giocare con alcuni studenti su quello stesso parquet che nel 1994 vide disputarsi la VII edizione del Trofeo. Dagli spalti il tifo è stato frenetico per i canestri dei “giganti” e per quelli dei “piccoli” compagni.

Igor Cassina, Stefano Sacripanti e la squadra di basket hanno pranzato con gli studenti nel Convitto annesso all’Istituto; il menù è stato curato dai bravissimi cuochi Massimo Vinci e Martino Zito nel rispetto dell’apporto calorico necessario ai giocatori per la partita serale presso il Palazzetto dello Sport.

Il Dirigente e l’intera Comunità scolastica ringraziano i signori Carmela e Angelo Loreto che, con la loro discreta e silenziosa presenza, hanno testimoniato l’amore per lo sport del giovane fratello Paolo, sempre caro a quanti lo hanno conosciuto e non lo hanno dimenticato.

Una giornata davvero memorabile che ha coinvolto sport, scuola e territorio, nella condivisione di valori fondamentali per la crescita umana e culturale.

Sicuramente Paolo è fiero dell’eredità

Filomena Gigante


WhatsApp

Iscriviti al servizio WhatsApp e ricevi GRATUITAMENTE le notizie più importanti direttamente sul tuo smartphone. Clicca qui per iscriverti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

on the spot

On The Spot

Eventi

PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

Seguici su