"ZIA CHECCHINA": UNA CASA FAMIGLIA PER ANZIANI NATA CON E PER AMORE

Con una serata evento lo scorso 16 settembre è stata presentata alla città l’associazione “Domus Francesca”.

La ONLUS, presentata presso la sala multimediale S. Paolo della parrocchia del Sacro Cuore di Gesù di Massafra, è presieduta dal giovane Pasquale Salvi che ha spiegato com’è nata e quali sono le finalità che si prefigge.

“Domus Francesca” gestirà una casa - famiglia per anziani sita in via Saverio Fanelli, 51. Casa - famiglia “Zia Checchina”, questo il nome della nascente struttura, accoglierà persone anziane che troveranno ospitalità in una dimora pensata per loro. L’anziano non si sentirà ospedalizzato ma accolto in casa da uno staff specializzato. A coadiuvarlo, geriatra e infermiere che si occuperanno degli ospiti bisognosi di cure mediche. “Zia Checchina” è dunque una dimora dove ci si prenderà amorevolmente cura degli anziani.

Il nome “Zia Checchina” è un omaggio voluto dal presidente Salvi in ricordo della signora Francesca Gallo recentemente scomparsa. L’affetto nei confronti di un’anziana maestra elementare e insegnante di doposcuola è dunque la scaturigine del progetto.

“La signora Francesca Gallo – racconta commosso Pasquale Salvi – è stata la mia insegnante di doposcuola. L’ho conosciuta all’età di 7 anni e da allora non ho mai smesso di volerle bene. Zia Checchina ha insegnato anche nel periodo della seconda guerra mondiale amando il suo lavoro ed i suoi allievi di cui si prendeva cura come una mamma. La sua generosità la spingeva a donare in segreto generi di prima necessità ai bambini più bisognosi. Quando ha cominciato ad avere problemi di salute, ho deciso di vivere con lei per assisterla e l’ho fatto fino al suo ultimo respiro”. Emozionato ed emozionante, il presidente Salvi ha commosso il pubblico con le sue parole ed i suoi sentimenti.

Ad impreziosire la serata le esilaranti gag portate in scena dagli attori dell’associazione culturale “Il Ventaglio”. La brillante performance teatrale non è che un collage di scene e personaggi tratti dalle commedie in vernacolo la cui regia è firmata Giovanna Greco.

La scuola di danza “Liberdanza” ha regalato un momento di alto profilo artistico con una coreografia danzata dalle talentuose insegnanti Daniela Castronovi e Ilaria Nigri.

Attraverso l’arte ed il sorriso è stato dunque presentato un progetto nato con e per amore che offrirà alla città un importante servizio socio assistenziale.

Mariella Eloisia Orlando


WhatsApp

Iscriviti al servizio WhatsApp e ricevi GRATUITAMENTE le notizie più importanti direttamente sul tuo smartphone. Clicca qui per iscriverti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

on the spot

On The Spot

Eventi

PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

Seguici su