L’ISTITUTO COMPRENSIVO SAN G. BOSCO PRESENTA IL "PROGETTO VISIBILITÀ"

Tutti in scena… L’Istituto Comprensivo San G. Bosco negli ultimi giorni di scuola è stato impegnato con gli eventi legati al “Progetto Visibilità”, ossia ad una serie di iniziative volte a rendere visibile sul territorio la chiusura di un percorso durato un anno che ha visto il coinvolgimento di tutti gli alunni e il personale della scuola.

Una prima tappa è stata la rappresentazione del musical “Billy Elliot” uno spettacolo al termine di un progetto educativo didattico di ampliamento dell’ offerta formativa che ha visto il coinvolgimento, in continuità, di bambini della scuola dell’infanzia e della scuola primaria.

Nell’Istituto Comprensivo San G. Bosco la continuità didattica è un aspetto fondamentale che consente ad allievi di diversa età di mettersi in relazione, di confrontarsi e di realizzare insieme degli obiettivi nel rispetto delle proprie potenzialità.

19126050 1552785911460079 102645189 o

Il 7 giugno, presso il Teatro Comunale “N. Resta”, alla presenza del Dirigente Scolastico Dott. Nicola Latorrata, del Direttore Amministrativo Sig. Maria Summa, dei docenti e delle famiglie, 40 bambini delle sezioni di 5 anni, delle classi prime, terze e quarte hanno reso visibile l’impegno e le proprie abilità, mettendo in scena il musical “Billy Elliot”, tratto dall’omonimo film.

Billy Elliot è un ragazzino che era stato costretto dal padre a praticare uno sport che a lui non piaceva, la box, ma il suo desiderio era danzare.

Dalle parole del piccolo presentatore, Antonello Lacatena della classe 4B del plesso Collodi, che ha introdotto lo spettacolo dicendo: “Il nostro percorso non è stato semplicemente mettere in scena la vita di uno sconosciuto che aveva un sogno da realizzare, ma è stata una riflessione sui concetti di libertà, di rispetto, di promozione e scoperta del proprio talento.

Tutti dobbiamo scoprire e sviluppare i nostri talenti. L’apostolo Paolo disse a Timoteo: «Non trascurare il dono che è in te». Ma la scoperta e il miglioramento dei nostri talenti richiede degli sforzi da fare. Questo è un ulteriore obiettivo conseguito, comprendere che non tutto si può ottenere facilmente. È importante abituare anche noi piccoli al sacrificio per ottenere qualcosa.

È stata una bella esperienza, abbiamo compreso che si può imparare anche divertendoci tirando fuori il meglio di noi stessi.

Lo psicologo e pedagogista Jean Piaget affermava che il gioco struttura lo sviluppo mentale del bambino poiché stimola la memoria, l’attenzione, la concentrazione, favorisce lo sviluppo di schemi percettivi, capacità di confronto, problem solving, relazioni e così via.

Il gioco è per il bambino un evento cognitivo e di apprendimento, un’attività attraverso la quale i suoi sensi, le sue emozioni e il suo cervello si sviluppano.”

Il vero protagonista di tutta la serata è stato l’entusiasmo dei bambini, reso possibile dalla gioia e vivacità con la quale hanno vissuto l’esperienza. Il Dirigente Scolastico nel saluto ai ragazzi e alle famiglie intervenute ha voluto richiamare l’importanza dei “sogni”, come la volontà ferma e determinata di ognuno di noi di realizzare il proprio progetto di vita se pur condito di sforzi e impegno. Infine, ha sostenuto l’importanza della Scuola, chiamata oggi a supportare e sostenere i bambini nella piena realizzazione di se stessi e al conseguimento delle competenze nonché dei valori, fondamentali per formare gli uomini e le donne di domani.

Che dire un altro successo per l’Istituto Comprensivo San Giovanni Bosco e della sua idea di una “ Scuola Possibile”… Certamente non finisce qui, ci sono altri appuntamenti che vedrà ancora coinvolto l’Istituto in altre iniziative.

Maria Grazia Convertino


WhatsApp

Iscriviti al servizio WhatsApp e ricevi GRATUITAMENTE le notizie più importanti direttamente sul tuo smartphone. Clicca qui per iscriverti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

on the spot

On The Spot

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
2
4
8
9
10
11
15
16
17
18
19
20
22
23
25
26
27
28
29
30

PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

Seguici su